Aperta la stagione della caccia, le 5 regole dell'Enel

I consigli dell'azienda elettrica ai cacciatori affiché non sottovalutino i rischi nelle aree dove sono presenti cavi e tralicci

Foto da Il cacciatore.com

Come ogni anno, l’avvio della stagione venatoria ripropone in Veneto il tema dei rischi legati all'attività venatoria in prossimità degli impianti di distribuzione dell'energia elettrica. Rischi che possono riguardare sia la salute degli stessi cacciatori sia il funzionamento degli impianti.

E-distribuzione, società del Gruppo Enel che si occupa della distribuzione di energia elettrica in Italia, si propone dunque di sensibilizzare gli amanti della caccia in merito ai rischi connessi con l’attività.

Luca Tanzi, responsabile Esercizio Rete di e-distribuzione Triveneto

"Sconsigliamo i cacciatori di sparare vicino o verso linee elettriche e altri impianti perché un pallino vagante può causare danni alle apparecchiature e potenzialmente interrompere il servizio elettrico con disagi per tutti coloro che sono riforniti dagli impianti danneggiati. La maggior parte dei cacciatori caccia in sicurezza: è bene che grazie alla loro conoscenza della zona di caccia sensibilizzino i loro colleghi, in particolare quelli più giovani. Ma soprattutto essere sicuri di dare la caccia solo a ciò che è possibile cacciare: cavi, isolatori e apparecchiature elettriche non lo sono mai".

Le 5 regole

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento