Manifestazione pro-aborto all'ospedale di Vicenza, a fianco preghiera anti 194

Il comitato cattolico "No194" ha organizzato una veglia di preghiera per chiedere l´abrogazione della legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza. L'assemblea "We want sex" ha organizzato una manifestazione

Un momento della manifestazione

A fianco i gruppi "Pro life" in preghiera contro la legge 194, che consente l'aborto, fuori l'assemblea "We want Sex", con i simboli dell'aborto clandestino, grucce, prezzemolo e quant'altro. 

​ 

"Rivendichiamo il diritto di scelta sui nostri corpi, l'applicazione piena della legge 194 e l'abolizione dell'obiezione di coscienza, la valorizzazione ed il rifinanziamento dei consultori laici e gratuiti e il diritto delle persone di scegliere sulla propria vita dall'inizio alla fine, il diritto delle persone a scegliere liberamente ed in maniera informata sulla propria sessualità. - scrivono le attivste e gli attivisti in un comunicato - Le associazioni prolife, il movimento per la vita e il centro aiuto alla vita sono associazioni cattoliche fondamentaliste e reazionarie, che tentano di imporre il controllo sui corpi delle donne in nome del valore astratto della vita in sé. Ci sembra che in Italia e in Europa si stia sviluppando una pericolosa tendenza, che ci riporta agli anni bui dei ferri da calza, del prezzemolo, del senso di colpa e di vergogna".

"La situazione è preoccupante perchè restringe sempre di piú lo spazio dei diritti conquistati dalla donne in anni di lotte per la propria autodeterminazione. Come sostengono le donne spagnole di “Yo Decido!”, la campagna che in gennaio ha portato migliaia di persone in piazza a Madrid contro la nuova legge spagnola antiabortista, il fatto di poter decidere ci rende libere e ciò va ribadito anche in Italia, alla luce delle recenti dichiarazioni della neo ministra Madia in materia di aborto. E´inutile approntare politiche securitarie, sanzionatorie e repressive contro il femminicidio e la violenza di genere, se questa stessa violenza diventa strutturale e passa sui corpi delle donne e sulla loro possibilitá di autodeterminarsi - proseguono -  In Italia si colpevolizzano le giovani e la loro sessualitá senza fornire alcuna occasione per l' educazione sessuale all'interno delle scuole, non si incentivano campagne di informazione contro le gravidanze indesiderate, è impossibile reperire contraccettivi come la pillola del giorno dopo ed ogni decisione viene presa in maniera ideologica, con una pesante matrice cattolica alla base, senza pensare che si sta giocando sulla pelle delle donne. Si preferisce additare chi decide di abortire, stracciandosi le vesti per la salvaguardia del feto e dell´embrione, ma una volta nato non esistono politiche sociali ed economiche che tutelino genitori e bambini. Come dire: non osare abortirlo, ma una volta che esce sono affari tuoi!"

Potrebbe interessarti

  • Il buon giorno inizia con una buona colazione: scopri le top 4 pasticcerie di Vicenza

  • Lo zenzero fa male? I casi in cui è meglio evitarlo

  • Come igienizzare i bidoni della spazzatura: è necessario farlo spesso con il caldo

  • Basta pancia gonfia! Un problema inestetico e di salute: scopri come risolverlo

I più letti della settimana

  • Superenalotto, la dea bendata premia il Veneto: puntata vincente nel Vicentino

  • Incidente in piscina, la 12enne non ce l'ha fatta

  • Cade nel fiume e muore annegato: inutile la "catena" dei passanti

  • Maltempo in arrivo, scatta l'allerta in Veneto

  • Auto fuori controllo abbatte il cancello di Villa Da Porto Casarotto: ferito il conducente

  • Sorpasso tir in A4: tolta definitivamente la revoca

Torna su
VicenzaToday è in caricamento