Come avere un viso nuovo in pochi minuti

Sempre di più oggi si sente parlare di fili di trazione e biostimolazione al viso e al corpo, come alternativa al vecchio lifting chirurgico. In realtà non si tratta di una vera e propria novità, infatti i fili di trazione si utilizzano da circa 15 anni. Non è nella tecnica l’innovazione, ma nei materiali utilizzati nella produzione di nuovi fili.

Possiamo definirlo un nuovo approccio anti età, ma per capire meglio di che cosa si tratta ho intervistato il medico estetico Antonio Licata di Vicenza.

Dottore, che cosa sono i fili in PDO ?

Stiamo parlando di polidiossanone, un materiale altamente sicuro, anallergico e biocompatibile, che favorisce la coesione cellulare. I fili di polidiossanone sono già utilizzati da tempo, efficacemente, sia in chirurgia generale che in chirurgia cardiovascolare, per ottenere un effetto stimolante sulla proliferazione del collagene e dare sostegno al tessuto. Si tratta di fili auto-ancoranti che sono utilizzati per definire il contorno del viso, ma non solo.

Quindi qual è il loro campo d’azione?

Questo trattamento ha dato ottimi risultati sul viso per le rughe, palpebre, zampe di gallina, codice a barre, arco sopracciliare, profilo del viso e area peri-auricolare. Sul corpo si ottengono ottimi risultati sul collo e decolletè, addome,avambraccio, anche, fianchi, mani, glutei, interno cosce, ascelle e ginocchia. Come vedi il campo d’azione è molto ampio. Osservazioni cliniche hanno dimostrato che il polidiossanone stimola la produzione di nuovo collagene – la proteina responsabile della compattezza ed elasticità della pelle- aumentando la sintesi dell’acido ialuronico endogeno e migliorando il micro circolo locale. La pelle risulterà più soda, elastica e idratata.

Parliamo della procedura di inserimento ?

Consiste nel posizionare i fili, montati su aghi molto piccoli e sottili, nel derma facilitando il riposizionamento parziale della pelle cadente. Durante la manovra di rimozione dei sottili aghi, anch'essa indolore, i fili al loro interno inseriti rimarranno nel tessuto provocando un effetto lifting immediato e la produzione di collagene endogeno (prodotto dal proprio organismo), stimolando così il ringiovanimento cutaneo e aumentando l'elasticità cutanea. Possiamo dire che è meno invasiva dell’intervento chirurgico ma non lo sostituisce. Certo, quella con i fili richiede minor tempo di applicazione rispetto ad un intervento chirurgico, tanto che viene considerato come un “lunchtime lift”, ossia lifting della pausa pranzo, il tutto si svolge in un'ora di tempo circa.

L’azione dei fili non è quella di un lift immediato, ma di maggiore compattezza cutanea. Quali sono gli effetti ottenuti?

Con l’utilizzo dei fili si ottiene un miglioramento immediato dell’aspetto della pelle. Dopo circa una o due settimane inizia la sintesi delle proteine naturali del corpo ( collagene ed elastina). Questo processo continua fino al riassorbimento dei fili – che avviene mediante azione idrolitica – dopo circa 6-8 mesi. Gli effetti estetici invece durano 12-18 mesi, avendo in precedenza generato un’ importante stimolazione endogena. Gli effetti del trattamento quindi sono il ringiovanimento come effetto lifting, luminosità, sostegno e tonificazione dei tessuti, aumento di volume, attenuazione di rughe, linee e solchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasticcerie d'Italia 2020: scopri le migliori del vicentino

  • Contributi fino a 1000 euro per trasformare l'auto in Gpl o metano

  • Fatture false con una società "cartiera": sequestrati 680mila euro a una SpA

  • Obbligo di pneumatici invernali o catene: le strade del vicentino e l'importo delle multe

  • Gattino ucciso a fucilate nel vialetto di casa: «Hanno fatto apposta, ora ho il terrore a uscire»

  • In escursione su Cima Mandriolo con il cane, l'animale si sporge e precipita nel vuoto

Torna su
VicenzaToday è in caricamento