Coronavirus rimane nell'aria e nelle superfici? Come difendersi

Quanto tempo il Covid-19 mantiene la capacità di infettare al di fuori dell'organismo umano? Il virus resta stabile per ore in aerosol e su alcuni materiali

Il nuovo coronavirus resiste sugli oggetti inanimati e sulle superfici? E se sì, per quante ore? E soprattutto, per quanto tempo resta in grado di infettare? Le piccole gocce di saliva che produciamo quando parliamo, tossiamo o starnutiamo – potenzialmente contenenti il virus se siamo infetti – possono non solo raggiungere direttamente un’altra persona nelle vicinanze, ma anche depositarsi sulle superfici degli oggetti intorno a noi e sulle nostre mani, da dove possono raggiungere un altro individuo in un secondo momento.  

Basandosi infatti sulle informazioni provenienti da studi recenti, sappiamo che anche SARS-Cov-2, come tanti altri virus, rimane attivo per diverso tempo fuori dall’organismo, sulle superfici e sui tessuti. dicono i medici del San Raffaele di MIlano.

Quanto resiste

Informazioni preliminari suggeriscono che il virus può sopravvivere fino a 72 ore su plastica e acciaio, fino a 24 ore sul cartone e solamente 4 sul rame. 

Lo studio condotto negli Usa rileva che il virus è rintracciabile in aerosol in una stanza per oltre 3 ore e che, ad una temperatura compresa tra i 21-23°C - grosso modo quella delle nostre abitazioni - ad un tasso di umidità del 40%, la sua capacità di infettare è:

cartone: si dimezza in circa 5 ore, si abbatte dopo circa 24 ore

rame: si dimezza in circa 2 ore, si abbatte dopo circa 5 ore

acciaio inossidabile: si dimezza in circa 6 ore, si abbatte in oltre 48 ore

plastica: si dimezza in circa 7 ore, si abbatte in oltre 72 ore.

I luoghi pericolosi

Aule, sale riunioni, centri commerciali e supermercati, i luoghi in cui i contatti sono stretti, in queste situazioni è importante mantenere la distanza di sicurezza.

La trasmissione attraverso superfici contaminate

Le superfici più esposte a questo genere di contagio comprendono, per esempio: 

  • le maniglie delle porte
  • le pulsantiere degli ascensori 
  • i cellulari 
  • i sostegni per aggrapparsi sui mezzi pubblici.

Come disinfettare

L’utilizzo di comuni disinfettanti è in grado di ridurre al minimo e annullare la capacità del virus di trasmettere l’infezione. 

In particolare, si consiglia di pulire le superfici utilizzando: 

  • disinfettanti contenenti alcol al 75%;
  • disinfettanti a base di cloro all’1%, come la candeggina.

Il sistema più valido per ridurre il rischio di contagio rimane comunque il lavaggio delle mani, spesso e bene, con acqua e sapone e per almeno 20 secondi. 

Come si riconosce il Coronavirus

Come proteggersi dal contagio

Il disinfettante sicuro approvato dall'OMS

La distanza di sicurezza da rispettare

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Costretti in casa? Le cose da fare per non buttare via il tempo

  • Coronavirus rimane nell'aria e nelle superfici? Come difendersi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento