Allarme spritz: il vizio vicentino contagia l'Italia

In aumento il consumo di alcolici lontano dai pasti

Lo spritz ha conquistato l'Italia. L'aperitivo alcolico va sempre più di moda: lo dicono i numeri. Dal 2013 al 2015 il numero di italiani che si concede un bicchiere lontano dai pasti è cresciuto di oltre il 2% passando dal 25,8% al 27,9%. Quello del brindisi al bar prima di pranzo o di cena è un rito sempre più consolidato e negli ultimi anni è stato sostenuto da azioni pubblicitarie massicce. Da un lato quindi l'aumento di campagne tese a sensibilizzare i cittadini sui possibili danni dell'alcol, dall'altro le pubblicità in televisione che ne esaltano la funzione aggregatrice.

Il risultato è nei dati raccolti nell'ultima Relazione su alcol e problemi correlati, trasmessa dal Ministero della Salute al Parlamento. Dal 2014 al 2015 il numero di italiani dagli 11 anni in su che ha consumato almeno una bevanda alcolica è passato dal 63% (pari a 34,3 milioni) al 64,5% (pari a 35,6 milioni).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento