Come salvare il cibo dalle minacce dell’estate: le 4 regole "salva-dispensa"

Chi sono gli insetti che con il caldo prolificano nelle dispense? Ecco una guida per prevenire e rimediare all’infestazione di piccoli ospiti sgraditi

Proliferano a causa dell’aumento delle temperature e approfittano della nostra assenza da casa per andare a caccia di provviste: sono le ‘tignole o farfalline del cibo’, piccoli infestanti che si aggirano in cucina e contaminano cibi secchi, ma non solo. Dall’analisi delle ricerche condotte sul sito Rentokil.it, emerge un aumento dell’interesse per questi piccoli insetti: nel periodo maggio-giugno del 2018, le visite tematiche hanno raggiunto +95% rispetto ai mesi precedenti.

Si ritrovano ogni anno al rientro dalle vacanze. In nostra assenza, totalmente indisturbate, hanno infestato la dispensa annidandosi nelle confezioni di farina, pasta, legumi, riso, biscotti e frutta secca. Sono quelle che comunemente vengono chiamate “tignole o farfalline del cibo”, ma dietro questa definizione vi sono in realtà diverse specie che insidiano le nostre cucine.

Le minacce, però, non si trovano solo in dispensa, ma riguardano anche cibi come formaggi, prosciutto e insaccati e bisogna ricorrere a una disinfestazione mirata per eliminarle in maniera efficace e duratura.

GLI INSETTI INFESTANTI

Tignole della farina o farfalline del cibo: si tratta di piccole farfalline di colore variabile dal bianco-crema al bruno nerastro che amano vivere in ambienti caldi e con poca luce e, non a caso, colonizzano le nostre dispense contaminando i cibi secchi che vi conserviamo.

Acaro del prosciutto crudo: impossibile da vedere a occhio nudo, si trova nel prosciutto crudo, ma anche in altri insaccati, formaggi (specie se stagionati), funghi e frutta a gusci. 

Anobio del pane: lungo circa 3 millimetri e di colore bruno-rossastro, è capace di perforare l’imballaggio dei cibi. Attacca gli alimenti derivazione cerealicola (farina, pane, pasta), oltre a frutta essiccata, spezie, erbe officinali e vegetali con abbondante contenuto di amido.

Tonchio del fagiolo: lungo tra i 2 e i 3 millimetri, di colore verdastro con chiazze variegate di colore marrone, è caratterizzato dal corpo a "lacrima" ed antenne a dente di sega. Si nutre principalmente dell'interno dei fagioli, ma attacca tutti i tipi di legumi compresi fagiolini, piselli e lenticchie. 

LE QUATTRO REGOLE D'ORO PER UNA DISPENSA A PROVA D'INSETTI

Ispezione e controllo: svuotare gli scaffali e controllare tutte le confezioni dei cibi conservati in dispensa. È importante verificare la presenza di farfalline o uova e buttare via sia le scatole contaminate sia quelle già aperte, esposte al rischio di contaminazione. È necessario controllare bene anche tutti gli spazi dove gli insetti possono aver deposto le uova, ovvero angoli e interstizi della dispensa, i coperchi di eventuali contenitori/barattoli e pieghe di confezioni di cibi ancora chiuse.

Pulizia: occorre mantenere sempre un elevato standard di igiene nel corso dell'anno, in particolare nei mesi più caldi quando la temperatura può accelerare lo sviluppo degli insetti del cibo. Utilizzare l’aspirapolvere per eliminare ogni residuo su scaffali e mensole (su entrambi i lati) - senza dimenticare viti, sostegni, cerniere degli sportelli e stipiti – e pulire poi ogni parte con acqua calda e aceto, aggiungendo oli essenziali quali menta, citronella, eucalipto. Asciugare bene i ripiani e i barattoli/contenitori prima di riporli in dispensa per evitare che l’umidità favorisca nuovamente la proliferazione degli insetti.

Conservazione: è preferibile utilizzare imballaggi robusti, meglio se anche ermetici. Il vetro è sicuramente la scelta migliore, ma anche contenitori e barattoli di plastica rigida con chiusura ermetica rappresentano un’ottima soluzione per conservare correttamente e ‘isolare’ dal rischio di annidamento di insetti.

Gestione dei rifiuti: la spazzatura è uno dei luoghi principali di annidamento di molti insetti (non solo di quelli del cibo) e, in generale, è bene assicurarsi che i rifiuti siano sempre ben chiusi nei sacchetti. Nel caso di una infestazione in corso, questo diventa ancora più importante. Per escludere il rischio di una nuova contaminazione, è necessario buttare via tutti i prodotti alimentari contaminati e i relativi imballaggi, senza dimenticare il sacchetto dell’aspirapolvere utilizzato per la pulizia delle dispensa. Chiudere quindi bene il sacco di raccolta e tenerlo lontano dalla cucina in attesa di smaltirlo definitivamente.

Infine, gli insetti del cibo sono molto sensibili ad alcuni odori particolarmente decisi, per questa ragione alcune piante e spezie svolgono un’efficace funzione repellente e possono essere utilizzate anche in maniera preventiva. Tra queste, troviamo ad esempio l’alloro, i chiodi di garofano, la lavanda, la citronella e la buccia d’arancia. È sufficiente posizionare all’interno della dispensa questi elementi, in piccoli contenitori aperti o in sacchettini traspiranti, per tenere lontani gli insetti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento