Alimentazione per stare bene: scopri cosa mangiare in inverno

Con l'arrivo della stagione fredda il temuto raffreddore e le influenze sono pronte a colpire. Il modo migliore per prendersi cura della nostra salute è prevenire, ecco quello che non deve mancare in tavola per rimanere sani e in forma

È ormai risaputo che cibi sani aumentano il livello di benessere e di salute. Gli alleati contro il gelo e l'inverno non sono solo maglioni e piumini ma una sana alimentazione che riesca a supportare la produzione di calore corporeo mediante il metabolismo. 

I cibi da privilegiare

Piatti caldi: minestroni, zuppe e stufati sono deliziosi e nutrienti, soprattutto al termine di una lunga giornata. 

  • Bevande calde: la cioccolata, il caffè e un buon vino rosso sono valorosi alleati contro il freddo. Frutta e verdura: fonte privilegiata di vitamina C sono gli agrumi.
  • Frutta secca: nocciole, noci e mandorle sono ricche di vitamine e di zinco. 
  • Legumi: sono importanti per il metabolismo muscolare, e fondamentali per aumentare le difese immunitarie. Sono ricchi in vitamine, calcio, fosforo, ferro ed aminoacidi essenziali: uniti al riso o alla pasta possono rappresentare un ottimo, caldo, piatto unico.
  • Olio extravergine di oliva:va usato sempre dove possibile al posto dei grassi di origine animale quali burro, panna, lardo.
  • Carboidrati: è buona norma inserire nella dieta un consumo regolare di pasta, pane e cereali.
  • Carni rosse: si, ma è importante comunque non trascurare l’altra importante fonte proteica rappresentata dal pesce, alimento che, oltre ad essere particolarmente ricco di acidi grassi omega 3 efficaci nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e di alcune forme tumorali, presenta rispetto alla carne una più alta digeribilità ed un minor apporto calorico.
  • Latticini e formaggi:rappresentano un’alternativa ai cibi altamente proteici e che di conseguenza non bisogna sovrapporli al consumo di carne e di pesce.
  • Frutta e verdura: privilegiando quella di stagione come ad esempio gli agrumi che sono ricchi di vitamina C, sostanza che si rivela utile nel rafforzare le difese dell’organismo e nel favorire l’assimilazione del ferro inorganico di origine vegetale. Ideali anche i cavolfiori, ricchi di vitamina A, sali minerali, acido folico e, come le verze i broccoli e i cavolini di Bruxelles, ricchi di sostanze attive nella prevenzione di varie forme tumorali.
  • Spezie e condimenti: alcune spezie, come cannella, curcuma, zenzero e peperoncino, possono aiutare ad aumentare la temperatura corporea, stimolando il metabolismo. La curcuma oltre ad avere proprietà antiossidanti di contrasto ai radicali liberi, è in grado di rafforzare il sistema immunitario. Lo zafferano magari nei risotti, si può fare anche un mix di zafferanno e curcuma che, oltre a insaporire il piatto, fanno bene all’organismo. Se non ci sono intolleranze particolari il peperoncino può aiutare a fluidificare il catarro in alcuni soggetti. E poi contiene vitamina C, che fa sempre bene.
  • Tè e cioccolata:  tenere presente però che sia il tè che il cacao vanno consumati con moderazione: infatti insieme al caffè rientrano nella categoria degli alimenti definiti “nervini” per la loro ricchezza in sostanze stimolanti, toniche e corroboranti.

Sì a qualche golosità in più ma attenzione

L’apporto calorico in inverno può aumentare perché il corpo brucia più calorie per mantenere la temperatura corporea ottimale. Quando tremiamo per il freddo, ad esempio, produciamo irisina, ormone che converte il grasso cosiddetto “bianco” in grasso “bruno”, facendoci dimagrire. A seconda del tipo di persona, del suo stile di vita e di eventuali patologie, d’inverno la dieta quotidiana può aumentare dalle 200 alle 500 calorie. Questo non significa però dare libero sfogo ai peccati di gola che prima o poi presentano il conto sulla bilancia; restano banditi gli alcolici, i fritti ed i dolciumi. 

Tisane speziate amiche della linea

Prima regola, valida in tutte le stagioni: bere per mantenere idratato l’organismo e la pelle, che con il freddo tende a seccarsi. Quindi via libera a tisane con cannella e zenzero, spezie che fanno aumentare il metabolismo. Bene anche infusi con arancio e thè verde, ricco di antiossidanti, che fa aumentare circa del 35% il dispendio calorico. 

La dolcezza del miele

La colazione ideale? Un bicchiere d’acqua tiepida con succo di limone (drenante e disintossicante) ed 1-3 cucchiaini di miele che aiuta a proteggere da raffreddore e mal di gola. Preparare quindi un porridge con il latte di mandorle e fiocchi d’avena, ricchi di beta glucano ed avenantramide, fibre che facilitano il transito intestinale dolcemente. Inoltre l’avena richiede un dispendio energetico maggiore per essere digerita, dunque “si brucia” di più. 

La cioccolata riscalda e fa dimagrire

Ma è sullo spuntino che ci si può davvero concedere qualche golosità, come la cioccolata fondente, soprattutto al peperoncino. Un quadratino per una pausa sfiziosa ci scalderà e attiverà il metabolismo grazie al cacao che aiuta a dimagrire. 

Le zuppe salvano il girovita

A pranzo o a cena via libera a zuppe riscaldanti di cereali e pseudo cereali come il riso, il miglio, il farro, il sorgo, la quinoa, l’orzo, insieme a legumi come fagioli cannellini, borlotti, ceci e lenticchie, senza dimenticare le verdure. Arricchire i piatti con spezie riscaldanti. Abbondare pure con il brodo di ossa di pollo o di manzo, è ricco di gelatina (collagene) che è anti invecchiamento, disintossicante, protegge le articolazioni, migliora il sonno e ottimizza le funzioni del corpo. 

Mangia in base al tuo Biotipo

Linfatico, sanguigno, bilioso o celebrale sono le principali costituzioni corporee. Scegli le verdure amare e drenanti come il radicchio e la cicoria se sei linfatico, carne magra se sei sanguigno, pseudo cereali come quinoa e crucifere se sei bilioso, verdure rilassanti come lattuga e valeriana se sei celebrale.

:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'abete di papa Francesco, «risparmiato da Vaia, stroncato dalla mano dell'uomo»

  • Calcola il costo del bollo auto 2020: importi e cosa si rischia a non pagarlo

  • Il piccolo Davide non ce l'ha fatta: è morto 5 giorni dopo l'incidente

  • Mancano un milione di laureati: ecco le professioni più richieste

  • Malore alla guida: 51enne muore sulla A31

  • Boscaiolo schiacciato dai rami dell'albero abbattuto

Torna su
VicenzaToday è in caricamento