Il leone di plastica, il sacerdote e la pioggia (di critiche)

Sui social network è polemica dopo che sul bollettino parrocchiale di Trissino è stata segnalato il vernissage del controverso leone marciano

Il monumento (foto Marco Milioni)

 Il parroco di Trissino invita i fedeli alla inaugurazione del leone marciano. E sui social network arriva una montagna di critiche.

Oggetto del contendere è un comunicato pubblicato il 7 ottobre sull’ultimo bollettino parrocchiale della comunità cattolica del comune della Valle dell’Agno:

Domenica 14 ottobre alle 15.00 sarà inaugurato l’imponente monumento raffigurante il Leone di San Marco e collocato all’interno della rotatoria tra le strade provinciali 87, 89, 246, all’ingresso di Trissino

 Pochi giorni di calma e ieri la reazione è arrivata sulla pagina Facebook di Alberto Peruffo, scalatore e artista di Montecchio Montecchio maggiore.

LA CONTROVERSIA

A Trissino, piccolo centro dell’Ovest vicentino, la realizzazione del leone marciano è divenuta una vicenda controversa. L’opera (è pronta ad essere inaugurata, è stata già collocata sulla sua sede ed è ricoperta da un telo; vedi foto) è stata donata al comune dal comitato per l’identità veneta, anche se non si conosco all’oggi i finanziatori reali. L’iniziativa ha immediatamente riscosso pareri contrastanti. Da un versante c’è una larga parte dell’opinione pubblica locale che la vede di buon occhio. Sul fronte opposto però non mancano i detrattori. C’è chi critica la foggia, troppo simile a quella di una giostra. E poco commendevole, anche per la scelta del materiale, una resina molto simile alla plastica, rispetto alla millenaria storia di Venezia.

C’è chi commenta negativamente l’esborso di alcune decine di migliaia di euro che la municipalità, seppur indirettamente, ha dovuto mettere in campo per realizzare il basamento. E chi critica l’operazione di retroguardia culturale in cui il leone, con la scusa di un afflato indipendentista velleitario, serva in realtà a come simbolo per celebrare in modo surrettizio l’alleanza tra poteri locali che dominano nella valle: con l’aggravante che il leone suo malgrado diventi una sorta di coperchio di una pentola in cui ci sono finite dentro alcune «vicende indecenti - accusa Peruffo - tra cui il caso Pfas e il progetto della Pedemontana veneta».

STILETTATE IRONICHE

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Schianto auto-moto sotto al cavalcavia: gravissimo centauro

  • Schianto fra tre auto e un furgone: quattro feriti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento