Il lungo fiume di veleno: Titti, la prima vittima di overdose

Triste primato sotto lo sguardo della Madonna di Monte Berico: a uccidere Fiorella Nicolato, appena 18 enne, non fu l'eroina o altre sostanze stupefacenti, ma un cardiotonico

Nella Vicenza di quegli anni, la droga che si usava, aveva confezioni quasi anonime e accompagnate da una ricetta del medico. Nessuno sapeva esattamente ciò che introduceva nel proprio corpo ma era quasi un gioco alla ricerca di “viaggio” che durasse a lungo, una roulette russa con pastiglie come pallottole.  

Si parlava moltissimo di queste droghe tra i giovani e tra i giovanissimi. Si mischiavano i barbiturici con un libro di Kerouac o con l’ultimo disco dei Doors. Si discuteva dell’hashish o della marijuana, comparsa tra gli studenti della contestazione del ’68. Droghe fatte in modo artigianale, troppo difficili da reperire, troppo costose e sotto l’occhio delle forze dell’ordine. Solo alcuni che andavano ad Amsterdam, ad Istanbul o in Marocco potevano permettersi di avere o spacciare gli oppiacei, sopravvalutati anche dalla stampa rispetto all’effetto devastante delle anfetamine. 

La devastante invasione dell'eroina

L’eroina sarebbe arrivata alla “grande distribuzione” più tardi, nel ’75. E fu un’invasione annunciata ma silenziosa. Una naturale evoluzione dell’uso della morfina che per alcuni anni fece “da ponte” tra gli psicofarmaci e l’eroina stessa. Una sostanza che già alla fine del 1973, insieme a cocaina e anfetamina creò un mix letale per una seconda vicentina, una diciassettenne: Patrizia Paolucci, lasciata morire e scaricata in una piazza di Milano con i segni di un’agonia durata quattro giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un flusso continuo e ingentissimo - quello dell’eroina - trattato con una strategia marketing degna di un prodotto di massa. Tanto devastante nei suoi effetti quanto a basso prezzo e a disposizione di ogni ceto sociale. Le grosse organizzazioni criminali riducevano lo smercio di qualsiasi altra sostanza per lasciare sul mercato la “brown sugar”, un metodo che moltiplicò acquirenti e tossicodipendenti. Mentre l’eroina all’etto veniva venduta a 90.000 lire, il prezzo delle cosiddette droghe leggere era balzato a punte che facevano concorrenza all’oro, in proporzione. Un etto di hashish si poteva trovare a 270/300.000 lire. 

Titti 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Addio Flavia, se n'è andata la regina dei "spuncioti" del bar più amato di Vicenza

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Malore improvviso: muore automobilista

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Covid-19 al centro estivo, alunna positiva al tampone: scatta il protocollo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento