Educazione civica a scuola, Ipab minori: "Bene il ritorno. Non sia Cenerentola"

Il presidente della struttura vicentina Gian Pietro Santinon, commenta le novità introdotte dalla legge 92/2019, entrata in vigore mercoledì

"Bene il ritorno dell'educazione civica nelle scuole. Tocca ora ai dirigenti e agli insegnanti fare in modo che, per l'ennesima volta, questa materia non si trasformi in una cenerentola o, peggio, in una meteora". Il presidente di Ipab per i Minori di Vicenza, Gian Pietro Santinon, commenta le novità introdotte dalla legge 92/2019, entrata in vigore mercoledì.

"L'educazione civica rappresenta un investimento per la società di domani; tanti dei comportamenti lamentati oggi sono il frutto, purtroppo, dell'abbandono di questa materia che torna, finalmente, all'interno degli insegnamenti obbligatori nella scuola di ogni ordine e grado. Come IPAB per i Minori non possiamo che apprezzare questa scelta del Legislatore, con alcuni elementi di importante novità: educazione ambientale, agenda 2030, elementi di protezione civile, educazione al patrimonio culturale e ai beni pubblici, legalità e lotta alle mafie, cittadinanza digitale.

Educare alla comunità, alla democrazia, ai temi e alle identità che ci costituiscono Nazione è il miglior investimento che si possa fare per il futuro. E in una scuola sempre più multi etnica diventa elemento di vera educazione all'integrazione positiva.".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Investita sulle strisce:21enne in Rianimazione

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Schianto auto-moto sotto al cavalcavia: gravissimo centauro

Torna su
VicenzaToday è in caricamento