Richiedenti asilo e microcriminalità, pugno duro del sindaco Rucco

Duro intervento del primo cittadino berico: "Basta con la politica dell'accoglienza senza programmazione che si è rivelata un autentico fallimento"

Il sindaco di Vicenza Francesco Rucco

Il sindaco di Vicenza Francesco Rucco interviene sulle recenti vicende di cronaca nera che hanno visto protagonisti cittadini stranieri giunti in Italia come profughi richiedenti asilo politico, dediti allo spaccio di droga e a violenze di vario genere.

Da un lato il primo cittadino ricorda che "i dati relativi ai sequestri di droga nei parchi cittadini dimostrano come l'attività della polizia locale stia funzionando bene. Sicuramente in alcune zone lo spaccio è più diffuso, ma stiamo facendo una serie di operazioni in collaborazione con le forze dell'ordine per contrastare questi fenomeni".

L'impegno è quindi forte e costante ma, aggiunge Rucco, "è però evidente, allo stesso tempo, che le politiche dell'accoglienza volute dai governi del passato si sono dimostrate assolutamente fallimentari. Pensare ancora di accogliere senza un piano di integrazione sociale e lavorativo è un'autentica follia, perché ciò significa mandare allo sbando queste persone, alimentando la criminalità organizzata e quindi anche lo spaccio di droga nelle nostre città. Sta accadendo in tutta Italia e se questo piano non sarà rivisto, la situazione è destinata a peggiorare, per cui va continuata la politica del blocco dell'accoglienza. Basta con l'ospitalità incondizionata". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento