Pazienti non Covid in dimissione: attivati in tempi record due ospedali di comunità

Passaggio obbligato in vista della riconversione del nosocomio Alto Vicentino a struttura di riferimento provinciale per l'emergenza coronavirus

All’ospedale di Santorso dalla giornata di lunedì sono iniziate le dimissioni dei pazienti non covid in vista della progressiva riconversione a struttura di riferimento provinciale per i pazienti affetti da coronavirus.

«Stiamo procedendo per gradi - spiega il Commissario dell’ULSS 7 Pedemontana, il dott. Bortolo Simoni - e con la massima attenzione per la sicurezza dei pazienti, interni ed esterni». Tutti i pazienti infatti, prima delle dimissioni, vengono sottoposti a tampone. Una volta avuta conferma dell’esito negativo, vengono trasferiti in un’altra struttura selezionata in funzione del livello di assistenza richiesto: quelli per i quali è necessaria un’assistenza ospedaliera vengono trasferiti al San Bassiano o in altri ospedali, ma nella maggioranza dei casi il livello assistenziale più appropriato è di tipo intermedio. 

Per questi pazienti, l’ULSS 7 Pedemontana ha quindi attivato nel giro di dieci giorni ben due ospedali di Comunità. Il primo presso Villa Miari, a Santorso, dove sono stati temporaneamente dimessi i pazienti che erano in carico per la neuroriabilitazione: qui sono stati creati 10 posti letto, gestiti direttamente con personale dell’Azienda.

Il secondo ospedale di Comunità (la cui attivazione era peraltro già prevista nella programmazione regionale) è collocato presso la Residenza G. Negri della Fondazione Opera Immacolata Concezione onlus a Thiene. Qui sono disponibili ulteriori 15 posti letto in un piano dedicato esclusivamente ai pazienti provenienti dall’ospedale di Santorso, con accessi separati da quelli della Residenza per Anziani.

«In questo caso - specifica il dott. Simoni - i pazienti saranno assistiti da personale della Fondazione ma con la nostra direzione sanitaria; ringrazio la Fondazione OIC onlus per la grande disponibilità dimostrata nel rispondere alla nostra necessità di posti letto e per la velocità con cui ha predisposto tutto il necessario. L’ingresso dei pazienti nella struttura di Thiene avverrà gradualmente, man mano che esauriremo i posti letto a Villa Miari».

A queste due strutture si affiancano inoltre quelle già presenti nel territorio: in particolare i 50 posti letto presso il Muzan di Malo, dei quali 22 come URT (Unità Riabilitativa Territoriale) e 28 come RSA Riattiva-Attiva al Muzan. «In questo modo - sottolinea il dott. Simoni - potremo garantire comunque, a tutti i pazienti dimessi anticipatamente da Santorso, il livello assistenziale più idoneo: sia per gli acuti, sia per chi può iniziare la riabilitazione, sia ancora per chi necessita di altri livelli intermedi».

Naturalmente, la permanenza in queste strutture sarà del tutto gratuita per i pazienti, in quanto coperta dal sistema sanitario regionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio ditta stoccaggio rifiuti speciali: colonna di fumo visibile a chilometri di distanza

  • Gravissimo fatto di sangue, accoltellata una donna: è in ospedale in condizioni critiche

  • Covid-19, 601 casi in più: "Nessuna escalation, sono arrivati gli esiti", altri 119 nel Vicentino

  • Coronavirus, da lunedì i cittadini possono richiedere i buoni spesa: ecco come fare

  • Ospedale chiuso per Coronavirus, il bambino nasce al pronto soccorso grazie all'ostetrica

  • Covid-19, 11698 veneti positivi: 1715 nel Vicentino, 4 i decessi all'ospedale di Santorso

Torna su
VicenzaToday è in caricamento