La porcilaia dell'orrore: a un'unghia dalla verità

I ricercatori del Labanof hanno ritrovato il reperto che potrebbe, finalmente, portare la luce su una delle vicende più oscure degli ultimi anni: un caso senza cadaveri e senza colpevole

Nella tuta bianca degli esperti del Laboratorio di antropologia e odontologia forense la temperatura deve essere salita quando, setacciando metro per metro la terra nel canaletto di scolo della porcilaia, che fu di Valerio Sperotto, è comparsa un’unghia umana, probabilmente di un alluce.

Forse, dopo più di 30 anni, uno squarcio di verità si può aprire per la scomparsa delle due donne, Elena Zecchinato e Virginia Mihai, che avvenne a undici anni di distanza l’una dall’altra. Tra il 1988 e il 1999. Uno dei casi irrisolti più intrigante e complesso avvenuto nel vicentino. Un duplice omicidio senza cadaveri. 

Un caso senza vittime e senza colpevoli


Definirlo cold case è addirittura riduttivo visto il tempo passato e vista la mancanza di elementi che possano definire un reato la sparizione delle due consorti di Sperotto. Un marito che fu indagato nel 1999 ma morì nel 2011, a 64 anni per tumore, senza nessuna pendenza. Un caso con presunte vittime e senza presunti colpevoli. Ma la verità è un dogma che va preservato e il perseverare nelle ricerche del pubblico ministero Hans Roderich Blatter potrebbe essere stata la giusta chiave per riuscire a leggere nel giusto modo una storia che ha i contorni di un orrore, che la provincia ha spesso regalato alla cronaca nera. 


La storia è nota a molti. Valerio Sperotto era un facoltoso allevatore di maiali a Velo D’Astico. Un paesino incastonato in una conca ai piedi del Summano e del Novegno. Uno di quei posti dove l’inverno è rigido e lungo, dove il sole sembra sempre calare in anticipo rendendo il bellissimo il paesaggio contornato dai boschi, quasi lugubre. È in questo contesto che Elena Zecchinato, chiamata Ivette per le sue origini francesi, secondo alcune testimonianze prende la strada che conduce al bosco. È il 17 febbraio del 1988 e scompare risucchiata nel nulla, come a nulla valsero le ricerche sia in Italia che all’estero. 

La seconda moglie

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento