La mafia che non c'è nel delitto Fioretto

Uno dei casi vicentini più eclatanti e ancora irrisolti: cosa si cela dietro l'esecuzione della coppia di coniugi?

Sono circa le 20.30 del 25 febbraio. L’anno è il 1991. Il freddo è pungente a Vicenza, lo è stato tutto il giorno.

Quando Mafalda Begnozzi scende in tutta fretta le scale del condominio per andare a raggiungere il marito dalla parte dei garage, non indossa nemmeno una giacca o un cappotto. È preoccupata, forse ha sentito il marito arrivare con la sua nuova Alfa 164 e discutere o forse vuole avvertirlo che due uomini lo stanno cercando insistentemente e che forse è in pericolo. Non immagina che da lì a poco la sua vita si sarebbe fermata contro una pallottola calibro 7,65 di una pistola giocattolo Beretta-Molgora modificata.

Non si sa se lei vede il corpo del marito, l’avvocato Pierangelo Fioretto riverso a terra, freddato da otto colpi sparati dalla stessa mano che la ucciderà. Forse non ha neanche il tempo di disperarsi o stupirsi. I due killer che vengono dal sud, o forse da Roma, non le lasciano scampo e la colpiscono quattro volte: alla gamba, all’addome, al torace e per finire alla nuca.

Un’esecuzione, come per il marito che è stato giustiziato, qualche secondo prima, con un colpo alla tempia. Non spari normali ma soffocati dal silenziatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Professionismo omicida.

I due killer fuggono, probabilmente con un complice che li aspetta in macchina, e da quel momento inizia uno dei casi più misteriosi e cruenti della recente storia vicentina. Un duplice omicidio perfetto, una sentenza di morte che porta subito gli investigatori a pensare ad una tipica esecuzione per mafia. Anche se allora l’argomento era legato, erroneamente e quasi esclusivamente, alla Sicilia. Ma chi era Pierangelo Fioretto? Perché architettare un agguato così simile a quelli che si potevano leggere nelle cronache di Palermo o di Roma? 

Chi era l'avvocato Fioretto?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

  • Coronavirus, stretta sui tamponi e isolamento post viaggi extra Ue: la nuova ordinanza

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

Torna su
VicenzaToday è in caricamento