Giardino Salvi, cronaca di un degrado infinito

Staccionata divelta, rifiuti galleggianti nella Seriola, solchi di pneumatici della jeep dei militati sul prato. Cosa succede nell'area verde del centro cittadino?

La Loggia Valmarana, partimonio Unesco e gioiello del Palladio del centrale parco cittadino conosciuto come Giardino Salvi, è stata restaurata da poco. Ma la situazione che si presenta nel resto dell'area porta i segni dell'abbandono. E il luogo soffre ancora di quello che comunemente viene chiamato "degrado". Un degrado che molti residenti della zona, a due passi da piazza Castello, segnalano di frequente.

La staccionata in legno che limita la Seriola è spaccata e abbandonata a terra, mentre alcuni pezzi galleggiano nella roggia. E poi, nonostante il prato sia sotto tutela, sono ben visibili i solchi di pneumatici che hanno lasciato solchi profondi sul manto erboso. Per il divieto di calpestare l'erba l'amministrazione aveva negato il permesso al Festival Lumen, eppure le camionette di militari di ronda passano senza problemi sopra al prato. Inoltre, c'è la infinita questione dei locali dell'ex-Fiera, da sempre rifugio di sbandati e tossicodipendenti. Un luogo che affonda nel degrado e nel quale chi entra abusivamente si è ormai fatto beffe da tempo della misera recinzione ormai bypassata. 

Sull'argomento, i consiglieri Ciro Asproso e Giovanni Rolando hanno presentato nei giorni scorsi un'interrogazione al consiglio Comunale di Vicenza, nella quale si  sottolinea che lo stato di degrado «oltre che insopportabile alla vista, è anche pericoloso per chi si avvicina all’argine della Seriola, a causa del cedimento della staccionata» e con la quale si chiede che se l’Amministrazione sia a conoscenza della pessima situazione sopra descritta. «Quali azioni concrete si intendono intraprendere, con la massima urgenza - concludono i consiglieri - per ripristinare e mettere in sicurezza l’alveo della Seriola, sostituire la staccionata di protezione, pulire il Parco dai molti rifiuti abbandonati, impedire che veicoli motorizzati non degli addetti alla manutenzione  attraversino il manto erboso danneggiandolo?»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

  • Coronavirus, tre contagi nel Vicentino: infettati in isolamento fiduciario

Torna su
VicenzaToday è in caricamento