Coronavirus, in Veneto sopra ai 4000 contagi: aumentano i ricoveri al San Bortolo

Il consueto bollettino della Regione relativo ai casi di venerdì 20 marzo. Continua ad aumentare l'epidemia. Dopo giorni di fila di tamponi negativi, spunta un nuovo caso a Vo'. Zaia verso lo stop a passeggiate e supermercati aperti la domenica

Foto Ulss 8 berica

AGGIORNAMENTO BOLLETTINO ORE 17

Rispetto al bollettino di questa mattina sono aumentati i casi di coronavirus in Veneto ma non nella provincia di Vicenza (il bollettino indica anzi un -1 probabilmente un paziente “negativizzato”). Nel Vicentino si sono però verificati altri due decessi che porta il conto a 16 morti in totale.Un decesso che si aggiunge oggi è in realtà un decesso che era avvenuto ieri, che non era stato conteggiato in attesa dell'esito del tampone, arrivato oggi e positivo. Si tratta di un uomo nato nel settembre del 1948, residente ad Asiago. Il decesso è avvenuto all'ospedale di Bassano in area Covid (era stato trasferito dall'ospedale di Asiago il 18). L’altro decesso registrato riguarda una persona anziana affetta da più patologie, spirata al San Bortolo. 

Il totale della regione Veneto, stando al bollettino emesso da Azienda Zero, si attesta a quoto 4237. In provincia di Padova i casi positivi sono 971, a Treviso 768, a Verona 827, a Vicenza 517, a Belluno 197, a Rovigo 62. Infine, 50 hanno il domicilio fuori regione e 151 non sono ancora stati assegnati a un territorio. I soggetti destinati a isolamento domiciliari sono oltre 12mila in tutto il Veneto. 

Al dato dei ricoverati  fornito questa mattina (139 ricoverati, 27 dei quali in terapia intensiva) si aggiungono nel pomeriggio due pazienti in terapia intensiva a Bassano e due a Santorso, uno dei quali sempre in terapia intensiva. 

BOLLETTINO ORE 8 VENERDI'

Ha superato quota 4000 il numero di contagiati in Veneto, precisamente 4031 secondo il bollettino della Regione Veneto di venerdì mattina alle 8: un nuovo caso, dopo giorni di tamponi negativi, nel cluster di Vo'. La variazione rispetto alle ore 17 di giovedì è di +280 tamponi positivi. Sono invece 12432 i pazienti in isolamento domiciliare (positivi + contatti) in regione. Purtoppo un'altra persona è morta a causa delle complicanze per il covid-19: un paziente ricoverato a Borgo Roma a Verona. Salgono così a 131 i decessi in Veneto. 

Negli ospedali veneti ci sono attualmente 1070 pazienti ricoverati, 834 (+29) dei quali in area non critica e 236 (+12) in terapia intensiva, mentre i dimessi dal 21 febbraio sono 223. Venerdì mattina Zaia ha confermato che in giornata emette l’ordinanza per chiusura supermercati la domenica e divieto totale di passeggiate e simili. 

Nel Vicentino i casi di coronavirus sono 518, con un incremento di +63 rispetto alle ore 17 di ieri, data del penultimo bollettino, mentre i domiciliati sono 1994. Negli ospedali berici ci sono ad oggi 139 ricoverati, 27 dei quali in terapia intensiva. A Santorso 23 in area non critica e 1 in terapia intensiva; a Bassano 15 (+3) in area non critica e 4 in terapia intensiva; ad Asiago 23 e nessuno in terapia intensiva; a Vicenza 39 (+13) e 22 in terapia intensiva; a Noventa 12 (+4) in area non critica. Dal 21 febbraio sono in tutto 14  le persone morte per complicanze dovute al coronavirus e 19 i pazienti dimessi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta pizze esce di strada con l'auto durante il servizio a domicilio: ferita 23enne

  • Incendio ditta stoccaggio rifiuti speciali: colonna di fumo visibile a chilometri di distanza

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagi in Veneto: 1272 casi nel Vicentino

  • Coranavirus, colpiti padre e figlia: entrambi perdono la vita

  • Coronavirus, 34 morti in 24 ore ma diminuiscono i ricoveri

  • Emergenza Covid: spostamenti ingiustificati, fioccano le multe in città

Torna su
VicenzaToday è in caricamento