Coronavirus, nuova stretta: “Chiusa ogni attività produttiva non necessaria”

Con una diretta Facebook nella tarda serata di sabato il premier Conte ha annunciato una nuova stretta per il contenimento dell’emergenza

"Chiusa ogni attività produttiva non necessaria", questo il focus dell'intervento in diretta Facebook del premier Conte nella tarda serata di sabato. Rimarranno aperti solo supermercati, farmacie, banche e trasporti pubblici necessari. La decisione è arrivata dopo un lungo confronto con le parti sociali e i capi delle delegazioni dei partiti al governo a fronte di un'emergenza che non accenna a rientrare.

"Rallentiamo il motore produttivo del Paese, ma non lo fermiamo. E' una decisione che si rende necessaria oggi per cercare di contenere l'emergenza", ha detto il premier.

E ancora: "Al di fuori delle attività essenziali, consentiremo solo il lavoro in smart working e consentiremo solo le attività produttive ritenute comunque rilevanti per la produzione nazionale. Rallentiamo il motore produttivo del Paese, ma non lo fermiamo. E' una decisione che si rende necessaria oggi per cercare di contenere l'emergenza".

"Sono misure severe, che richiedono tempo ma non abbiamo alternative - ha sottolineato  il premier -. In questo momento dobbiamo resistere per tutelare le persone che amiamo. Il nostro sacrificio di rimanere a casa è minimo se paragonato a quello dei cittadini che rischiano molto di più. Penso ai medici, agli infermieri, alle forze armate e dell'ordine, ai farmacisti, agli autotrasportatori, ai cassieri dei supermercati e agli operatori dell'informazione. Donne e uomini che compiono ogni giorno un atto di grande responsabilità e amore nei confronti dell'Italia intera. Abbiamo deciso di chiudere nell'intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente essenziale".

In attesa del decreto, dalle parole di Conte evince che resteranno aperte tutte le filiere ritenute essenziali, e quindi legate al settore alimentare, a quello farmaceutico e biomedicale e a quello dei trasporti, con alcune inevitabili limitazioni. Chiudono quasi tutte le attività legate alla Pubblica Amministrazione: restano di fatto aperti gli esercizi legati a sanità, difesa e istruzione.

Aperte edicole e tabaccai, oltre ai servizi d'informazione. Resterebbero attive l'industria delle bevande, le industrie alimentari, la filiera agro-alimentare e zootecnica, l'industria tessile solo legata strettamente agli indumenti di lavoro (escluso, quindi l'abbigliamento), e anche determinate attività legate all'idraulica, all'installazione di impianti elettrici, di riscaldamento o di condizionatori e la fabbricazione di forniture mediche. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Malore improvviso: muore automobilista

  • Moto fuori strada: morto un 38enne, ferita una 22enne

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento